Da Ravenna alla Serbia, Gemos continua a crescere e garantire lavoro

Due nuovi self service aziendali, uno per il Polo Petrolchimico Ravennate e due per lo stabilimento Michelin serbo, per un totale di 3000 pasti al giorno e 80 nuovi addetti: ecco come Gemos continua a garantire lavoro.

Il Polo Petrolchimico di Ravenna e lo stabilimento Michelin di Pirot in Serbia sono gli scenari degli ultimi innovativi progetti di Gemos e della società Gemos Balkans, che hanno preso il via nel mese di maggio.

Risultato di importanti investimenti da parte dell’azienda, le due mense aziendali producono rispettivamente 1000 e 2000 pasti al giorno, dando lavoro a 30 persone a Ravenna e a 50 a Pirot.

Il bando per il self service del Polo Petrolchimico di Ravenna, pubblicato da Eni un anno fa, prevedeva la ristrutturazione completa dei locali che risalgono agli anni ‘60 e la gestione del servizio di ristorazione all’interno del polo per la durata di 5 anni.  Durante gli 8 mesi di lavori per il rinnovamento della struttura e della cucina, Gemos ha comunque garantito il servizio mensa con una struttura temporanea senza nessuna interruzione del servizio. La mensa lavora tutti i giorni dell’anno (durante i periodi festivi garantisce circa 200 pasti per i turnisti del petrolchimico) e, oltre ad un ambiente rinnovato, offre una qualità del servizio elevata, grazie anche alla pizzeria con forno a legna, i distributori d’acqua e le aree relax per gli utenti.

Per Gemos Balkans, invece, il servizio è cominciato il 17 maggio in Serbia nello stabilimento Tigar Tyres di proprietà della Michelin, dopo un anno di trattativa e progettazione, quattro mesi di ristrutturazione e un mese per l’allestimento di due cucine con attrezzature e tecnologia all’avanguardia. Tutti i 50 dipendenti sono di nazionalità serba e lavorano su tre turni diversi per garantire un ciclo  h24 diviso in tre turni di somministrazione pasti. Il menu è tipicamente serbo, i fornitori sono locali e, come richiesto dalla direzione aziendale, quotidianamente viene proposto, e molto apprezzato, un piatto tipico della tradizione italiana.

Condividi suShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn