Insieme a Te: nuova sede e nuovi progetti

L’associazione faentina Insieme a Te ha presentato la sua nuova sede, in via San Giovanni Bosco 1, all’interno dell’ex complesso dei Salesiani.

L’associazione è nata dalla volontà di Debora Donati, dopo l’esperienza della malattia di suo marito, Dario Alvisi, socio Gemos colpito dalla Sla. Con Dario, Debora ha percorso oltre 800 chilometri nel 2017 per raggiungere una spiaggia attrezzata per disabili, in Puglia. Nel 2018, grazie alla tenacia di Debora e alla solidarietà di privati e enti pubblici, è stata realizzata una spiaggia attrezzata per disabili anche in Emilia-Romagna, a Punta Marina Terme.

Da tre anni sono tantissime le richieste, molte anche da fuori regione, di familiari di persone con disabilità che chiedono di poter portare i propri cari al mare a vivere una esperienza altrimenti impossibile.

 

Insieme a Te-Aps

La prima novità presentata insieme alla sede, è la nascita di ‘Insieme a Te-Aps’, associazione di promozione sociale che curerà progetti a supporto di Insieme a Te, guidata dalla presidente di Gemos, Mirella Paglierani, che afferma: “Ci siamo resi conto che inizialmente la gestione della spiaggia era il fulcro delle attività di Insieme a Te, quindi tutto era concentrato durante l’estate, ma c’era la necessità di far nascere una realtà che lavorasse tutto l’anno per organizzare e gestire progetti a sostegno dell’associazione”.

Faranno parte dell’Aps anche Carlo Dalmonte, Giovanni Malpezzi, Maria Luisa Ancarani e Massimo Zani, tutte persone legate a Debora e Dario.

 

La spiaggia è pronta a riaprire

“La spiaggia – ha annunciato Debora Donati – aprirà il 12 giugno e opererà fino all’11 settembre. A causa del Covid, sarà possibile ospitare 13 persone la mattina e 13 nel pomeriggio con un numero di almeno 15 volontari al giorno nei periodi di luglio e agosto”.

Per agevolare il soggiorno degli ospiti e le loro trasferte sono stati individuati e attrezzati cinque appartamenti, tutti al piano terra, per ospitare persone con disabilità. Questo permette per chi proviene da fuori regione di poter godere di intere settimane di balneazione (15 giorni il periodo massimo). Inoltre, per chi ha difficoltà a raggiungere la spiaggia è predisposto un servizio di trasporto sanitario gratuito.

 

I numeri del 2020

L’estate del 2020, pur con un numero di ospiti inferiore rispetto all’anno precedente a causa dell’emergenza sanitaria, è stata impegnativa. In totale 65 gli ospiti (erano 214 nel 2019) che hanno effettuato 423 accessi in spiaggia; 42 provenienti dalla nostra regione, 13 dalla Lombardia, 5 dal Veneto, 5 dal Piemonte, 1 dalla Toscana e 1 dal Lazio. In totale invece, 82 i volontari impegnati.

 

Nuovi progetti solidali

Per quanto riguarda la sostenibilità economica dell’associazione, una grossa mano è arrivata della campagna del ‘5×1000’, da contributi provenienti da privati (Regione, Comune di Ravenna, Unione della Romagna Faentina e Diocesi) e da altre associazioni. Purtroppo sono stati azzerati gli eventi benèfici.

Per aumentare i sostegni, partirà l’iniziativa ‘Un faro, una luce per Insieme a Te’, in collaborazione con l’Ente ceramica Faenza. Le opere di venti ceramisti verranno messe in vendita, proprio nella nuova sede e nella Spiaggia Insieme a Te, a Punta Marina Terme.

 

 

 

Condividi suShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedIn